Foglie d'edera
Incontri
17-10-2022

🍷 Il mito senza tempo dei Supertuscan

Associaz Arte e Vino

ore 20:30
Incontri
01-09-2022

L'estate sta finendo

In colli tour

ore 10
Incontri
30-09-2020

In barca, in bici e a piedi...evviva l'autunno!

Viaggiare curiosi

Incontri
18-06-2019

SERATA FORMAGGIARA

ONAF Pd = Organizz Naz Assagg Formaggi

 
 
« Indietro

🍷 Il mito senza tempo dei Supertuscan

17-10-2022 - ore 20:30
 

 

 

Hai visto la nuova data?
Cogli l'occasione e prenota subito!
I nuovi posti messi a disposizione sono pochissimi!

 

 

 

Il mito senza tempo dei Supertuscan

presenta
Ottavio Venditto - Miglior Sommelier d’Italia 2014

 

 

 

Lunedì 17 ottobre 2022, ore 20.45
Golf Club La Montecchia - via Montecchia 12, Selvazzano Dentro (PD)

 

 

 

Nati innovativi, sono ormai diventati una tradizione consolidata.
Ma cosa sono i Supertuscan oggi e in che modo si è evoluta la loro stilistica?


“Per rispondere, occorre fare un passo indietro e risalire alle origini di un movimento che, alla fine degli anni ‘60, cercava di dare al consumatore una qualità e uno stile che le denominazioni dell’epoca per vari motivi non riuscivano a garantire. Fu così che
alcuni decisero di uscire dai confini dei disciplinari e di produrre vini senza briglie qualitative o stilistiche, utilizzando il tradizionale Sangiovese ma anche sperimentando con le varietà bordolesi, che hanno sempre esercitato un grande fascino tra i produttori toscani.

Ecco allora
quattro principali categorie che ancora oggi si dividono la scena sul grande palco dei Supertuscan. «Da un lato, ci sono quelli che hanno scelto di puntare sul Sangiovese, per non rinunciare a un inconfondibile marchio territoriale, magari con l’aiuto di legni piccoli». «Al secondo gruppo appartengono quei vini che hanno una prevalenza di Sangiovese, ma cercano aiuto dalle varietà internazionali». Parliamo del Tignanello di Antinori, primo Sangiovese ad essere stato affinato in barrique e assemblato con Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc. C’è poi chi fa l’inverso, ovvero si basa su varietà internazionali e usa una percentuale minore di Sangiovese per dare una caratterizzazione toscana ai propri vini: dal Solaia (sempre di Antinori) al Camartina di Querciabella o all’Acciaiolo di Castello di Albola. Infine, ci sono i produttori che hanno sposato appieno lo stile e il blend bordolese, come il Solengo di Argiano, o l’Oreno di Tenuta Sette Ponti.

L’ultima frontiera ... è quella dei Supertuscan ottenuti da una singola varietà, indirizzando l’attenzione verso il singolo vigneto e lo specifico terroir.

È così che, dopo 50 anni, gli innovativi Supertuscan sono diventati vini in qualche modo tradizionali, prodotti da un gran numero di aziende e con tracce ormai importanti lasciate dalle annate storiche”.

Estratto articolo La Repubblica
 

 

 

 

 

Presenta Ottavio Venditto

Wine Ambassador
Miglior Sommelier d’Italia 2014

 

 

 

IN DEGUSTAZIONE:


Bolgheri Sassicaia DOC "Sassicaia" 2005 -
Tenuta San Guido
Le Serre Nuove Dell’Ornellaia Bolgheri DOC Rosso 2019 -
Ornellaia
Oreno 2018 -
Tenuta Setteponti
Toscana Rosso IGT "Tignanello" 2019 -
Tenuta Tignanello, Antinori
Toscana Rosso IGT "Vigorello" 2018 -
San Felice
Orma 2018 -
Tenuta Setteponti
Galatrona 2018 -
Petrolo

 

 

 

 

 

 

VEDI PROGRAMMA COMPLETO CORSO

 

N.B. PER QUESTO APPUNTAMENTO NON SONO PREVISTI RECUPERI DI SERATE PRECEDENTEMENTE NON GODUTE.

 

 
 

Commenti:

Giovanni:

NO VAGO!

Aggiungi un commento